Sig. Mauro Cabras e Signora. Monica Barella

Siamo una coppia di viaggiatori, Mauro e Monica e nel 2013 abbiamo fatto un tour del Myanmar con la guida di Han (Grand Service Myanmar Travels & Tours). Mi fa molto piacere avere l’opportunità di poter ringraziare Han per tutto quello che ha fatto per noi. Il Myanmar è un paese meraviglioso, abitato da gente cordiale, gentile e disponibile e Han è un tipico rappresentante di questo popolo. Abbiamo avuto il suo nome grazie al classico passaparola. Degli amici durante un tour organizzato con un altro operator, hanno avuto l’occasione di averlo come guida e ci hanno fatto il suo nome. Abbiamo organizzato il viaggio e nel corso di alcuni mesi, durante i quali con un’intenso scambio di e-mail abbiamo piano piano definito tutti i particolari del tour, le escursioni, gli alberghi. In tutto questo Han è stato un paziente consigliere, consigliandoci ma senza mai interferire troppo nelle nostre scelte. Eravamo 4 viaggiatori, due coppie entrambi abituati a viaggiare soli e quindi spesso con esigenze diverse sia di tempo che di confort. Lui ha saputo mediare senza mai perdere la pazienza, soprattutto le numerose volte in cui abbiamo cambiato idea…..Tra le varie proposte che ci ha fatto Han c’è stata una vera chicca. Poichè i nostril amici avevano meno tempo, io e Monica siamo partiti alcuni giorni prima e tra le diverse opzioni Han ha tirato fuori quella che poi si è rivelata una delle escursioni più belle del nostro viaggio. Una mini crociera, 2 giorni e una notte, sul fiume Irrawaddy, con partenza da Mandalay su un battello, governato da una famiglia (padre, madre, figlia e genero), dove sotto coperta era stata ricavata una mini cabina, confortevole e arieggiata, vicina a un bagno abbastanza confortevole. L’obiettivo, dopo aver visitato alcuni templi, era quello di andare a trovare i pescatori di un villaggio che per la pesca, utilizzano una tecnica del tutto particolare. Con l’ausilio dei delfini, che popolano le acque del fiume radunano i pesci che poi pescano con le reti da lancio. Praticamente utilizzano i delfini come battitori che scovano il pesce e lo fanno convergere verso le barche tutto si svolge come una vera battuta di caccia. Da una parte l’uomo con segnali vocali e rumori prodotti percuotendo il legno delle piroghe richiamano i delfini che dall’altra con segnali del loro corpo (forse questo è solo frutto della mia immaginazione) comunicavano ai pescatori l’arrivo dei pesci. Noi chiaramente abbiamo potuto seguire il tutto stando a bordo delle piroghe dei pescatori. I pescatori poi danno parte del pescato (pochi pescetti) ai delfini. In pratica una sorta di simbiosi. Alla fine della pesca siamo risaliti sul nostro battello e abbiamo ripreso la navigazione sul fiume. Al tramonto abbiamo attraccato in un’isola del fiume, un banco di sabbia completamente deserto, abitato solo da uccelli. Qui abbiamo cenato acceso un fuoco e passato la notte a bordo del “nostro” battello. Il giorno seguente, subito dopo l’alba, proseguendo la navigazione ci siamo imbattuti in alcune contadine che raccoglievano le arachidi. Allora abbiamo attraccato un’altra volta e così, con l’aiuto di Han abbiamo potuto chiacchierare con loro e chiedere informazioni sul loro lavoro. Dopo ci siamo addentrati nel vicino villaggio e abbiamo avuto modo di vedere un vero spaccato della vita rurale della Birmania. Il tutto è stato veramente interessante e devo dire quasi commovente. Mi sento veramente sicuro nel consigliare Il Myanmar come meta e l’organizzazione di Han come tour operator.
Mauro Cabras.

Il mio numero di telefono è +39 070 493691; il cellulare è +39 338 7334783
l’indirizzo è: Mauro Cabras,
Viale Guglielmo Marconi 09131 Cagliari (Italia).